Martedì 8 novembre alle ore 17 alla Biblioteca del Comune di Bagno a Ripoli Conferenza storica: il concittadino Ubaldino Peruzzi: dall’Antella a Ministro del Governo e Sindaco di Firenze Capitale d’Italia

3 Novembre 2022

Il concittadino Ubaldino Peruzzi

Il Giornalista e storico Franco Mariani, presentato dall’Assessore Eleonora Francoise, illustrerà la figura di Ubaldino Peruzzi, in occasione dell’anno in cui ricorre il 200mo della nascita e il 131mo della morte, avvenuta nella sua villa all’Antella.

Franco Mariani racconterà aneddoti e curiosità su Ubaldino che ormai si sono persi nei meandri delle pagine dei libri di storia, inoltre porterà in visione in biblioteca due giornali dell’epoca ampiamente dedicati a Ubaldino Peruzzi che recentemente Mariani ha recuperato sul mercato e che ora sono conservati gelosamente nell’archivio storico della Misericordia dell’Antella, di cui Ubaldino fu Conservatore fin dalla fondazione della Confraternita.

Figura molto conosciuta come nome, in realtà poco o niente sanno i suoi concittadini di Ubaldino Peruzzi che gli annali ricordano come uno tra i più illustri e influenti politici dell’epoca, assieme poi al salotto culturale della moglie Emilia Toscanelli Peruzzi.

Con l’elezione, nell’agosto 1859, all’Assemblea toscana per Ubaldino Peruzzi ebbe inizio una carriera parlamentare che lo avrebbe visto dal marzo 1860 deputato per dieci legislature in rappresentanza del primo collegio di Firenze.

Entrato nel febbraio 1860 nel terzo Governo Cavour come Ministro dei Lavori pubblici, conservò la carica anche nel primo Governo Ricasoli. Dal dicembre 1862 al settembre 1864 fu Ministro dell’Interno nel Governo Farini – Minghetti.

Eletto nel 1865, e poi quasi ininterrottamente fino alla morte, nel Consiglio provinciale di Firenze, ne fu presidente dal 1865 al 1870, mentre dal 1865 entrò anche in Consiglio comunale a Firenze.

Fu anche Assessore e Consigliere al Comune di Bagno a Ripoli, suo comune di residenza, dove, tra l’altro, istituì, come Assessore, la Fiera dell’Antella.

Dall’ottobre 1868 Peruzzi sostituì pro tempore il dimissionario sindaco di Firenze, chiamato poi dal 1871 a ricoprire in prima persona la carica di Sindaco della Città Capitale d’Italia.

Il 7 marzo 1876 fu eletto Vice Presidente della Camera dei Deputati con i voti della Sinistra e di oltre trenta dissidenti, elezione che però rifiutò, continuando ad essere eletto alla Camera dei Deputati fino al 1890.

Fu nominato Senatore nel 1889.

Nel 1882 decise di chiudere il suo palazzo a Firenze e il salotto della moglie, decidendo di vivere stabilmente nella sua villa dell’Antella. La moglie per qualche tempo continuò qui a tenere aperto il suo salotto, famoso e rinomato in tutta Europa.

Ubaldino Peruzzi morì a Bagno a Ripoli, nella sua villa dell’Antella, il 9 settembre 1891, schiacciato dai debiti dovuti alla bancarotta del Comune di Firenze a causa delle spese per adeguare la città a Capitale d’Italia, e a cui fece fronte anche attingendo al suo patrimonio personale di famiglia.

Per volontà del Re riposa nella Basilica di Santa Croce, tra i grandi della storia italiana, nella cappella Peruzzi, dove le sue spoglie, alla presenza del Re e di tutta la famiglia reale furono traslate dall’Antella a Firenze esattamente 130 anni fa.

Accanto a lui riposa anche l’amata moglie e compagna di vita e anche di politica Emilia Toscanelli Peruzzi.

Ubaldino fu anche uno dei primi responsabili dell’arrivo in Toscana della ferrovia, di cui fu sagace amministratore e sviluppatore del servizio nella nostra regione, nonché fondatore dell’Ordine degli Architetti.

Ingresso libero.

logo Misericordia

 

Orari

Lun – Ven
8:00 – 19:00
Sab / Dom / Festivi
Chiuso

 

Contatti

Fax: +39 055 6560044

© 2022 Confraternita di Misericordia di S. Maria all’Antella O.d.V.